5 giugno 2018 - This week in JAMA

5/6/2018



MEDICINA GENERALE. Evaluation and Management of Patients With Syncope
Sinossi della Linea guida dell'American College of Cardiology e American Heart Association sull'approccio clinico al paziente che presenta un episodio sincopale.

NEONATOLOGIA. Association Between Oxygen Saturation Targeting and Death or Disability in Extremely Preterm Infants in the Neonatal Oxygenation Prospective Meta-analysis Collaboration
Metanalisi su 5 trial riguardanti il livello di saturazione di O2 nel neonato molto pretermine. Esistono effetti negativi tanto negli attuali standard di riferimento quanto in standard che prevendono maggiori livelli di O2.

Leggi tutto ...


26 maggio 2018 - This week in The Lancet

26/5/2018



MEDICINA LEGALE. Medical negligence: there are no winners.
Il costo dei contenziosi medico legali anche nel Regno Unito sta raggiungendo livelli insostenibili. Un recente indennizzo per un danno neonatale ha raggiunto la cifra record di quasi 20 milioni di Euro e se tutti gli indennizzi attualmente in contenzioso fossero corrisposti, nel 2018 la cifra supererebbe i 60 milioni. Se poi, scrive l'articolista, non si considera quello che potrebbe costare la mancata chiamata allo screening di 450.000 donne per errore informatico. Viene fatto riferimento anche al noto "To err is human", studio pubblicato nel 1999 nel quale si stimava negli USA che la morte di 98.000 persone all' anno fosse per errore medico, e si propongono alcuni piccoli provvedimenti che però non risolvono il problema.

ONCOLOGIA. Immunoscore for (colorectal) cancer precision medicine.
L'editoriale presenta un altro articolo dello stesso fascicolo di Lancet nel quale si presenta la valutazione, positiva, di un nuovo modello di classificazione dei tumori - Immunoscore - che tiene conto sia delle caratteristiche istologiche che di quello immunologiche. E' ancora da determinare se l'Immunoscore sia in grado di fornire anche informazioni prognostiche sul prevedibile comportamento del tumore.

Leggi tutto ...

18 maggio This week in The BMJ

18/5/2018



MEDICINA GENERALE, NEUROLOGIA. Risk of stroke and transient ischaemic attack in patients with a diagnosis of resolved atrial fibrillation: retrospective cohort studies
In occorrenza di Fibrillazione Atriale (FA) il rischio individuale di Stroke aumenta di 5 volte. Lo studio retrospettivo rileva che una volta che la FA si sia risolta, il rischio individuale di Stroke o TIA comunque permane piu' elevato rispetto a quanti non hanno avuto FA. Attualmente non ci sono Linee Guida che forniscano indicazione se sia o meno opportuna la scoagulazione anche di questi pazienti. E' evidente secondo gli Autori che occorra una valutazione evidence-based in merito.


NEUROLOGIA, GERIATRIA. Dementia And Physical Activity (DAPA) trial of moderate to high intensity exercise training for people with dementia: randomised controlled trial
E' da qualche tempo noto che nella persistente assenza di terapie specifiche, la migliore risposta al rischio di demenza è l'assunzione di stili di vita salutari, tra cui l'esercizio fisico. Questo Trial, che non denuncia sponsorizzazioni di privati ma che anche non è immune da bias, non rileva alcuna efficacia dell'esercizio fisico per il miglioramento delle funzioni cognitive.

Leggi tutto ...

16 maggio - This week in The NEJM

17/5/2018



PNEUMOLOGIA. Inhaled Combined Budesonide–Formoterol as Needed in Mild Asthma
RCT di confronto fra la nuova formulazione spray budesonide+formoterolo (AstraZeneca) al bisogno e terbutalina al bisogno per il controllo dell'asma. I risultati sono in favore della prima. RobotReviewer rileva il rischio di bias nella consegna in cieco dei due presidi.

LEADERSHIP. Leadership Development in Medicine
Gli Autori dell'editoriale ritengono che la complessità delle strutture sanitarie richiede da parte di chi le dirige delle competenze che si devono aggiungere all'elevato livello di conoscenza della specifica materia. Si tratta di "skill" di tipo aziendale quali la capacità di gestire i gruppi, il decision making, la comunicazione, la collaborazione ecc. secondo i modelli insegnati nelle MBA. Per questo fine le amministrazioni devono predisporre dei percorsi formativi specifici e degli specifici criteri di selezione.


Leggi tutto ...

7-13 maggio This week in The BMJ

14/5/2018



MALATTIE INFETTIVE. Do direct acting antivirals cure chronic hepatitis C?
Epatite cronica C. A tutt'oggi è evidente l'effetto dei nuovi antivirali che agiscono direttamente sul virur dell'Epatite C. Gli Autori dell'articolo nel capitolo "Incertezze" del BMJ, tutti operanti nell'Ospedale Universitario di Copenhagen, riconoscono che ci sia un'apparente eliminazione dell'agente virale nei pazienti cronici trattati, ma che prima di parlare di guarigione sia necessario continuare ancora la sorveglianza attiva.

SCREENING MAMMOGRAFICO. Breast cancer screening error: fatal mistake or lucky escape?
Analisi di come può essere successo che il sistema di reclutamento delle donne per lo screening mammografico abbia letteralmnente saltato in questi ultimi anni almeno 450.000 donne inglesi.

Leggi tutto ...

12 maggio 2018 - This week in The Lancet

12/5/2018



EPIDEMIOLOGIA. Mapping the burden of cholera in sub-Saharan Africa and implications for control: an analysis of data across geographical scales
Studio epidemiologico policentrico per la produzione di mappe di diffusione del colera nell'Africa subsahariana, derivato dalla somma e analisi di quasi 300 differenti registri di dati. Editoriale del CDC che ilustra come i dati raccolti possono consentire la redazione di un piano di attività di altissima efficacia per la eradicazione della malattia (in analogia con il famoso lavoro di Snow del 1854 per la eradicazione del colera a Londra).

Leggi tutto ...

9 maggio 2018 - This week in JAMA

8/5/2018



CURE PRIMARIE. Can Retail Clinics Transform Health Care?
Retail clinic, walk-in clinic, urgent clinic e forse altri termini stanno a indicare strutture poliambulatoriali ad accesso diretto, a pagamento "out-of-pocket" ma a costi contenuti, ormai diffusissime in Nord America e che si stanno diffondendo anche in Europa, e quindi in Italia, come risposta alla debolezza delle cure primarie. Il basso costo per il paziente, la rapidità di accesso e la ridotta attesa della prestazione sono i fattori che piu' influiscono alla loro diffusione, che era stata prevista nell'editoriale del 2012 e viene constatata nell'editoriale 2018. Le tre dizioni stanno ad indicare assetti differenti: nel primo caso la collocazione (nelle farmacie, nei centri commerciali ecc.), nel secondo la facilità di accesso, nel terzo la possibilità di ottenere risposte rapide.

MEDICINA GENERALE, NEFROLOGIA. Effect of Coaching to Increase Water Intake on Kidney Function Decline in Adults With Chronic Kidney Disease
Bere molta acqua è ritenuta comunemente una prassi salutare ed esistono studi clinici che lo confermano. Non è invece noto se bere molta acqua faccia bene o no anche agli affetti da insufficienza renale cronica. Nei nefropatici cronici studiati in questo articolo l'assunzione di piu' o meno acqua non ha portato alcuna modifica alla progressione del danno renale.

Leggi tutto ...


5 maggio 2018 - This week in The Lancet

5/5/2018



PSICHIATRIA, NEUROPSICHIATRIA INFANTILE. Progress in the USA for autistic spectrum disorder
Sintesi del rapporto MMWR sull' Autismo, 2014, USA . Con i criteri diagnostici DSM tanto IV che V , la Prevalenza nel 2014 era dell' 1,68%, raddoppiata rispetto alla rilevazione 2000. Leggera prevalenza dei bianchi sulle altre etnie. Prevalenza del sesso maschile (4/1) che viene ritenuta in parte imputabile alla minore sorveglianza dedicata al sesso femminile. Nell' 85% dei casi i primi segni compaiono a 18 mesi , l'età mediana della diagnosi è 52 mesi. Secondo il rapporto è importante avviare le cure il piu' precocemente possibile. In 6 il Rapporto MMWR integrale.

GERIATRIA. What proportion of older adults in hospital are frail?
Searle e Rockwood, geriatri canadesi molto noti per gli studi sulla fragilità, commentano uno studio prevalentemente inglese che presenta uno score di fragilità dei pazienti ricoverati. Nel commento si rileva la sostanziale differenza clinica, e di conseguenza assistenziale, fra un degente fragile con patologia in atto ed un degente con patologia in atto ma non fragile e quindi quanto è importante rilevare la presenza o meno di questa condizione. Gli strumenti di rilevazione manuale risentono della variabilità del rilevatore o sono eccessivamente complessi.

Leggi tutto ...

30 aprile-4 maggio This week in The BMJ

30/4/2018



UROLOGIA. Do men with lower urinary tract symptoms have an increased risk of advanced prostate cancer?
Un paziente con >70 anni lamenta disturbi delle minzione e chiede di valutare la possibilità che ci sia un Ca prostatico. Questa revisione di letteratura formula in proposito alcune indicazioni: 1) che la presenza di sintomi urinari non è indicativa di un Ca della prostata, 2) che se non ci sono specifiche ragioni non va richiesto dosaggio del PSA, 3) che occorre spiegare al paziente l'imprecisione del PSA in questi casi, 4) che la diagnosi di un Ca prostatico non significherebbe comunque che si tratta di una condizione che richiede un intervento immediato. L'articolo riporta a questo proposito uno studio del 2015 che rivela l'alta frequenza di tumori della prostata stabilizzati (>50% negli ultra 79enni)

Leggi tutto ...

28 aprile 2018 - This week in The Lancet

28/4/2018



TERAPIA INTENSIVA
. Mortality and morbidity in acutely ill adults treated with liberal versus conservative oxygen therapy (IOTA): a systematic review and meta-analysis
Metanalisi della letteratura fino all'ottobre 2017. Lo studio rileva che nei pazienti acuti (sepsi, stroke, infarto, arresto cardiaco, intervento chirurgico in emergenza) l'ossigenoterapia per la prevenzione dell'ipossiemia non deve essere somministrata in maniera eccessiva e casuale. In particolare i valori di SpO2 devono restare nel range 94-96%, superati i quali i dati mostrano un significativo incremento della mortalità.

  • il commento, affidato a un cardiologo intensivista della McMaster conferma che l'O2 in eccesso rispetto alla necessità produce reazioni infiammatorie cellulari e altera la fisiologia aumentando il rischio di decesso.
Leggi tutto ...