20 dicembre 2018 - This Week in the NEJM

20/12/2018



EPIDEMIOLOGIA
.   The Major Causes of Death in Children and Adolescents in the United States
Dalla banca dati sulle cause di morte del Center for Disease Control statistiche di morte 2016 dei residenti USA di età inferiore a 19 anni. Per quanto riguarda le cause di morte dei 26.230 deceduti di in quell'anno, prevalgono (tabella 1) quelle incidentali (quasi il 60%) e tra questi gli incidenti stradali, seguiti da omicidi e suicidi con uso di armi da fuoco. La figura 1 riproduce l'andamento annuale 1999-2016 delle cause di morte per questa fascia di età, mostrando che le cause incidentali hanno avuto una progressiva riduzione fino al 2013, per risalire bruscamente a partire da quell'anno. Nelle figure 2 e 3 i dati USA vengono confrontati con quelli di altri Paesi e confermano l'impressione generale di quanto sia pericolosa la facilità in USA di disporre di armi da fuoco. Nelle conclusioni gli stessi epidemiologi che hanno realizzato lo studio lamentano l'assenza di dati sociosconomici da correlare con quelli di morte.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


15 dicembre 2018 - This week in The Lancet

15/12/2018


Come ormai consueto, Lancet è prevalentemente dedicato alla Salute pubblica. Questo fascicolo, quasi tutto open access, è prevalentemente dedicato ai migrantiIn full text:

MIGRANTI.  World leaders adopt first global pact on migration
Il 10 dicembre i rappresentanti di 150 governi si sono incontrati a Marrakesh per trovare un accordo sulla soluzione del problema dei migranti. Dalla sintesi del Lancet si ricava che la decisione finale è stata: fare qualcosa, farlo tutti assieme. Comunque 10 Paesi (USA, Australia, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Lettonia, Polonia, Slovacchia e Cile) hanno dichiarato che qualcosa lo faranno per conto loro. Le autorità presenti hanno espresso un "cauto ottimismo".

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


14 dicembre - This week in The BMJ

14/12/2018


GERIATRIA.
 Intellectual engagement and cognitive ability in later life (the “use it or lose it” conjecture): longitudinal, prospective study
Uno studio di coorte avviato nel 1947 dimostra che, tra i sopravvissuti (tutti nati nel 1936), quelli che hanno conservato le migliori capacità cognitive nel corso di tutta la vita sono quanti hanno dovuto o voluto affrontare molti problemi complessi. L'esercizio mentale di problem solving nell'età senile serve a poco.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text...


13 dicembre - This Week in the NEJM

13/12/2018



CARDIOLOGIA.
  Percutaneous Repair or Medical Treatment for Secondary Mitral Regurgitation
Trial francese (Bron, Lione), in parte con finanziamento pubblico, per valutare se nei casi di rigurgito della mitrale in caso di insufficienza mitralica funzionale (cioè secondaria a dilatazione del ventricolo sinistro e conseguentemente dell'anulus mitralico, nei soggetti con frazione di eiezione inferiore al 50%) il trattamento cardiochirurgico endovascolare può migliorare l'outcome clinico rispetto al solo trattamento medico. Il gruppo dei trattati con chirurgia a 12 mesi non presenta outcome (numero di deceduti, numero di re-ospedalizzazioni) migliore dei non chirurgici. 

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


11 dicembre 2018 - This week in JAMA

11/12/2018



NUOVE BIOTECNOLOGIE. TERAPIE INTENSIVE

Artificial Intelligence Tools for Sepsis and Cancer

  • I ricercatori dell'Imperial College di Londra hanno messo a punto uno strumento informatico (intelligenza artificiale) (da Nature Medicine) che fornisce supporto ai clinici delle Terapie Intensive indicazioni utili a trattare i pazienti in stato settico con la giusta quantità di fluidi e di farmaci vasopressori. Se ne dimostra l'efficacia nel ridurre la mortalità.
  • In caso di polmonite la prassi clinica è il trattamento antibiotico a largo spettro in attesa del risultato colturale. Il che ritarda la giusta terapia e crea resistenze. La colorazione fluorescente diretta endobronchiale consente di evidenziare subito direttamente le colonie Gram negative ed avviare subito il trattamento antibiotico mirato. La metodica e i risultati sono descritti nell'articolo di Science Translational Medicine.
Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


8 dicembre 2018 - This week in The Lancet

8/12/2018


Tra le riviste mediche maggiori, The Lancet si è venuto sempre piu' a orientare verso argomenti di Salute Pubblica e verso i grandi problemi mondiali sociali e dell' ambiante. Sono appunto questi gli argomenti che hanno assoluta prevalenza in questo fascicolo:

CLIMA.
The 2018 report of the Lancet Countdown on health and climate change: shaping the health of nations for centuries to come
Il Rapporto Lancet Countdown sul clima, suddiviso in 4 capitoli con molti grafici rileva:
1) l'evidenza delle modificazioni del clima in atto ed i conseguenti effetti negativi sulla salute delle popolazioni
2) la ridotta intenzione delle nazioni di modificarne le cause in maniera significativa
3) i settori in cui invece si è fatto qualcosa
4) le opportunità per stimolare le nazioni a fare di più.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


8 dicembre - This week in The BMJ

8/12/2018


SENOLOGIA
. Breast implants and anaplastic large cell lymphoma.
Linfomi anaplastici a cellule grandi sono stati rilevati in sviluppo in molti impianti, ma più frequentemente negli impianti mammari, ricostruttivi o estetici. Solo la diagnosi porecoce dello sviluppo di questo tumore e di conseguenza la sua asportazione assieme all' impianto può ottenere la guarigione.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text...


6 dicembre - This Week in the NEJM

6/12/2018



ONCOLOGIA
.
First-Line Atezolizumab plus Chemotherapy in Extensive-Stage Small-Cell Lung Cancer
L'Atezolizumab (Tecentriq, Roche) è un anticorpo monoclonale antagonista delle proteine che regolano la risposta immunitaria, inibendola. Questo meccanismo potenzia la risposta immunitaria antitumorale e favorisce l'azione dei consueti chemioterapici. Questo RCT, promosso e finanziato dal produttore (Roche/Genentech), valuta l'efficacia del farmaco nell'aumentare la speranza di vita negli affetti da Ca polmonare non a piccole cellule. A distanza di 13,9 mesi il 66% dei pazienti trattati con la consueta terapia (carboplatino + etoposide) era deceduto a fronte del 51,7% dei trattati anche con Atezolizumab. A 21 mesi tutti i pazienti dei due gruppi erano deceduti. Robot Reviewer non rileva rischi di bias. La scheda di valutazione della Commissine Terapeutica Regionale della Toscana.


Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


8 novembre - This Week in the NEJM

8/11/2018


EMATOLOGIA.  Elotuzumab plus Pomalidomide and Dexamethasone for Multiple Myeloma
Trial finanziato da Bristol e Abbot. Nei pazienti con mieloma multiplo refrattari in prima istanza o in ricaduta al trattamento con Lenalidomide, l'uso di Pomalidomide (Imnovid, Celgene, 21 cpr, Euro 21.659) + Elotuzumab (Emplociti, Bristol Meyers, 1 f. 400 mg, Euro 2470) ottiene un incremento del periodo di quiescenza fino a 10 mesi . RobotReviewer  mostra un alto rischio di bias nella valutazione dei risultati.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


3 novembre 2018 - From JAMA Network

3/11/2018


PSICHIATRIA. Da JAMA Psychiatry.  Association of Autism Spectrum Disorder With Prenatal Exposure to Medication Affecting Neurotransmitter Systems
Dall'epoca del famoso articolo fraudolento su Lancet ( Lancet 1998;351:637-41) che affermava che la causa dell'autismo fossero i vaccini, continuamente vengono pubblicati studi di ricercatori che stanno cercando una causa organica di questa malattia. A tutt'oggi non c'è nessuna evidenza. Questo è un altro studio su un decennio di neonati israeliani, le cui mamme avevano preso un qualche farmaco ad azione su un qualche neuromediatore. Nessuna evidenza.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...