Le nuove linee guida ESC-ESH per il trattamento della pressione arteriosa

7/9/2018

Le nuove Linee Guida si distinguono dalle precedenti raccomandazioni che sostenevano un approccio al trattamento dell'ipertensione per gradi (inizio della terapia con un farmaco, seguito dall'aggiunta di un secondo o di un terzo all'occorrenza). Si allarga inoltre la platea di soggetti da destinare a trattamento farmacologico.

www.quotidianosanita.it

Delibera n. 951 del 27 agosto 2018

27/8/2018

Delibera n. 951 del 27 agosto 2018
Gravi cardiopatie congenite: approvazione percorso nascita integrato.

Omega-3, Omega-6, acidi grassi polinsaturi: Cochrane fa il punto sui benefici nell’utilizzarli o consigliarli ai pazienti

27/8/2018

Le evidenze sui reali benefici degli omega-3, degli omega-6  e degli acidi grassi polinsaturi sono sintetizzate nelle tre revisioni  recentemente pubblicate dalla Cochrane.

https://www.cochranelibrary.com/

Per la stima del rischio cardiovascolare meglio ricorrere ai fattori di rischio classici o ai nuovi emergenti?

1/8/2018

Il rischio cardiovascolare permette di stimare la probabilità di andare incontro a un evento cardiovascolare sulla base di alcuni fattori. La US Preventive Services Task Force (USPSTF) ha recentemente pubblicato le raccomandazioni sulla valutazione del rischio per le malattie cardiovascolari, utilizzando fattori di rischio non tradizionali.

www.uspreventiveservicestaskforce.org

Screening per il rischio di malattie cardiovascolari con elettrocardiogramma: le raccomandazioni della U.S. Preventive Services Task Force

3/7/2018

La Task Force statunitense ha da poco pubblicato le raccomandazioni sullo screening per prevenire eventi cardiovascolari. Ma le attuali evidenze sono davvero sufficienti per valutare l'equilibrio tra benefici e rischi dello screening con ECG?

www.jamanetwork.com
Disponibile in NBST
Disponibile in NBST

Ipertensione: per accertare la reale pressione arteriosa occorrono almeno 2 rilevazioni successive, a distanza di più di 1 minuto

16/5/2018

Si celebra il 17 maggio la campagna mondiale di sensibilizzazione per la lotta all’ipertensione arteriosa. L’obiettivo è accrescere la consapevolezza sull’importanza del controllo della pressione. A tal proposito recentemente su JAMA Internal Medicine è stato confermato un dato già noto: occorrono almeno due rilevazioni successive, a distanza di 1 minuto, per accertare la pressione arteriosa.

www.hyper.ahajournals.org

Metformina: il farmaco per il diabete dai molteplici effetti collaterali "positivi"

17/4/2018

La Metformina, il farmaco più comunemente prescritto per il trattamento del diabete di tipo 2, ha recentemente dimostrato di essere utile anche nel trattamento di altre patologie. Studi recenti ne confermano il ruolo efficace nei tumori, nelle malattie legate all'invecchiamento e in quelle cardiovascolari. Segnaliamo gli articoli che ne esaminano gli effetti su una vasta gamma di agenti patogeni.

www.ncbi.nlm.nih.gov

Differenze di genere nello scompenso cardiaco: le donne presentano più sintomi, spesso eziologia non ischemica e risposte diverse ai trattamenti

2/3/2018

La prevalenza di insufficienza cardiaca cronica è in aumento in entrambi i sessi, ma con significative differenze nell'eziologia, epidemiologia e presentazione clinica, prognosi, comorbidità e risposta al trattamento. Uno studio di autori prevalentemente toscani fa il punto e identifica le criticità dei trial clinici.

www.clinicalkey.com
Disponibile in NBST
Disponibile in NBST

Ipertensione aggiornate le linee guida americane. Le soglie minime di allerta si abbassano al di sotto di 120/80 mmHg

14/2/2018

Le società scientifiche di cardiologia americane hanno appena aggiornato le linee guida per l’ipertensione. La soglia di normalità si abbassa a valori inferiori a 120/80 mmHg e secondo i nuovi criteri, quasi un americano su 2 rientra nella categoria degli ipertesi

www.acc.org

Oltre un quinto dei nuovi casi di tumore e un terzo delle morti sono provocati dalle malattie croniche. Attenzione però, l’attività fisica riduce il rischio!

7/2/2018

Vari studi hanno fino ad oggi  evidenziato come alcune patologie croniche singole possano predisporre all’insorgenza di forme tumorali. Nello studio appena pubblicato dal BMJ, gli autori hanno considerato l'effetto combinato delle principali malattie croniche e/o di “markers” sul rischio di tumore.

www.bmj.com