3 novembre 2018 - From JAMA Network

3/11/2018


PSICHIATRIA. Da JAMA Psychiatry.  Association of Autism Spectrum Disorder With Prenatal Exposure to Medication Affecting Neurotransmitter Systems
Dall'epoca del famoso articolo fraudolento su Lancet ( Lancet 1998;351:637-41) che affermava che la causa dell'autismo fossero i vaccini, continuamente vengono pubblicati studi di ricercatori che stanno cercando una causa organica di questa malattia. A tutt'oggi non c'è nessuna evidenza. Questo è un altro studio su un decennio di neonati israeliani, le cui mamme avevano preso un qualche farmaco ad azione su un qualche neuromediatore. Nessuna evidenza.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


27 ottobre 2018 - From JAMA Network

27/10/2018


CARDIOLOGIA. Da JAMA Cardiology.  Association of Weather With Day-to-Day Incidence of Myocardial Infarction. A SWEDEHEART Nationwide Observational Study
Per valutare i possibili effetti del tempo atmosferico sull'incidenza dell'infarto miocardico, tutti i casi occorsi in Svezia nel periodo 1998-2013 sono stati aggregati al tempo atmosferico in atto al momento dell'esordio acuto. E' stata così messa in evidenza una correlazione significativa tra incidenza dell'infarto e bassa temperatura, aria fredda, scarsa insolazione, alta velocità del vento.


Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


20 ottobre 2018 - From JAMA Network

20/10/2018


Da JAMA PSYCHIATRY.  Effect of Prefrontal Cortex Stimulation on Regulation of Amygdala Response to Threat in Individuals With Trait Anxiety. A Randomized Clinical Trial
La stimolazione cerebrale magnetica è già ampiamente utilizzata per il trattamento della depressione. Dall'Università di Oxford viene portata una dimostrazione, su 18 pazienti con grave sindrome ansiosa, che la stimolazione magnetica della corteccia prefrontale è in grado di inibire l'attività dell'amigdala e con ciò ridurre la sensazione di paura.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


16 ottobre 2018 - This week in JAMA

16/10/2018



DIABETOLOGIA.  Association Between Bariatric Surgery and Macrovascular Disease Outcomes in Patients With Type 2 Diabetes and Severe Obesity
Le malattie vascolari sono una delle principali cause di morte dei pazienti obesi affetti da diabete tipo II. In questo studio retrospettivo (periodo 2005-2011) l'incidenza degli insulti vascolari nei soggetti obesi diabetici tipo II trattati con chirurgia bariatrica (n=5300) è stata del 2%, in pazienti analoghi non operati (n=15000) è stata superiore al 4%. Gli autori ritengono che il risultato, chiaramente in favore dell' intervento, debba comunque essere confermato da un RCT.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


9 ottobre 2018 - This week in JAMA

9/10/2018



PNEUMOLOGIA.  Trends in the Incidence and Recurrence of Inpatient-Treated Spontaneous Pneumothorax, 1968-2016
Studio epidemiologico molto accurato sul pneumotorace spontaneo, derivato dai ricoveri dal 1968 al 2016 in tutti gli ospedali inglesi. Per chi è interessato a questa patologia, le tavole e le figure sono molto chiare: in figura 1 a pag. 4 la frequenza dei ricoveri 2015 per classi di età (valori in tabella 1, pag. 5); in tabella 2 a pag. 6 la distribuzione per età delle comorbidità; in tabella 3 a pag.7 la probabilità di recidiva dopo la risoluzione del primo episodio.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


6 ottobre 2018 - Da JAMA Network

6/10/2018



ONCOLOGIA, MEDICINA GENERALE.
Da JAMA ONCOLOGY. Association of Analgesic Use With Risk of Ovarian Cancer in the Nurses’ Health Studies
Studio osservazionale su 205.000 donne osservate per periodi da 15 a 25 anni. Insorgenzanel periodo di 1054 casi di Ca Ovarico. L'assunzione di aspirina a basso dosaggio comporta un minore rischio di Ca ovarico ma questo non si verifica per aspirina a dose ordinare e per altri antinfiammatori

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


2 ottobre 2018 - This week in JAMA

2/10/2018



GERONTOLOGIA.  Aging, Cell Senescence, and Chronic Disease Emerging Therapeutic Strategies
L' invecchiamento è il primo fattore di rischio di malattia, invalidità, morte. Secondo l'articoloi i processi che caratterizzano l'invecchiamento sono infiammazione cronica, disfunzione delle macromolecole come il DNA, ridotta capacità riparativa cellulare, invecchiamento cellulare. I quattro processi sono integrati e in particolare la senescenza cellulare si caratterizza per il SASP (Senecence-Associated Secretory Phenotype) con produzione di citochine, chemochine, fattori di crescita e proteasi, che a loro volta innescano gli altri processi di invecchiamento. I farmaci "senolitici" (ad es. l'antineoplastico inibitore della tirosin-chinasi Dasatinib o il flavonoide antiossidante Quercitina) hanno in vitro l'effetto di eliminare le cellule senescenti e sembra che siano in grado di prolungare la vita degli animali da esperimento. Evitando l'effetto potenziante delle cellule invecchiate sugli altri fattori, i senolitici potrebbero essere un contrasto all' invecchiamento umano.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


Avere accesso a riviste scientifiche di alto livello è essenziale per aggiornarsi e produrre articoli di qualità

1/10/2018

Segui la nostra sezione "Articoli di interesse". Contiene segnalazioni di articoli interessanti tratti dalle più importanti riviste scientifiche, Lancet, The BMJ, The New England Journal of Medicine e JAMA.
Ogni articolo presenta un breve commento e il link al full text, nonché la specialità alla quale si riferisce.

18 settembre 2018 - Da JAMA Network

18/9/2018



DEEP LEARNING.
Deep Learning — A Technology With the Potential to Transform Health Care
On the Prospects for a (deep) Learning Health Care System 
In ambito medico una serie di connessioni che imitano la rete neurale, memorizzando una grandissima massa di informazioni, può tanto formulare, sulla base di quanto è successo, previsioni attendibili sul futuro decorso clinico, sia, sulla base di moltissime immagini analoghe (ad es.cutanee), individuare la giusta diagnosi clinica. Queste potenzialità sembra che siano in miglioramento continuo: in un elenco delle attuali possibilità cliniche con specifico riferimento bibliografico. Gli ambiti della medicina in cui il Deep Learning può fornire il massimo aiuto al clinico relativamente a: analisi delle immagini; formazione di banche dati condivise sempre piu' ampie e strutturate; aggregazione di dati apparentementre lontani; generazione di nuove ipotesi; definizione di percorsi diagnostico-terapeutici più razionali; maneggevolezza d'uso. In più le tecnologie attuali sono del tutto sufficienti.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...


8 settembre 2018 - Da JAMA Network

8/9/2018



DERMATOLOGIA. Da JAMA Dermatology. Comparison of Dermatologist Density Between Urban and Rural Counties in the United States
Andamento della numerosità degli specialisti in dermatologia negli USA tra il 1995 e il 2013. Significativo incremento del numero assoluto di dermatologi in tutti gli Stati, piu' elevato che per tutte le altre branche, ma il tasso dermatologi/100.000 residenti è molte volte più alto nelle metropoli che nelle aree rurali. In sostanza il messaggio è che negli USA i dermatologi vogliono stare in città.

Leggi le altre segnalazioni e apri i link ai full text ...