18/3/2021

Livelli di vitamina D e prognosi nei pazienti Covid


Circulating Vitamin D levels status and clinical prognostic indices in COVID-19 patients
Rivista: Respir Res 22, 76 (2021)
Autori: Ricci A, Pagliuca A, D’Ascanio M. et al.

Sebbene una correlazione inversa tra Vitamina D (VitD) e tutte le cause di mortalità in coorti sane o nella popolazione generale sia stata descritta, in particolare con livelli plasmatici molto bassi (0-9 ng/ml), l'effetto del deficit di VitD nella progressione del COVID-19 o nella gravità della malattia è ancora lontano dall'esser stimato.

I dati dello studio retrospettivo su 52 pazienti sottolineano però una relazione tra i livelli plasmatici di VitD e diversi marcatori sierici della malattia.

Lo studio ha visto la collaborazione dell’ISS, dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma e di altre istituzioni, ed è stato pubblicato sulla rivista Respiratory Research. 

Al momento è difficile sostenere se un'integrazione di VitD possa svolgere un ruolo nel combattere la gravità della malattia oltre a ridurne la mortalità, ma può essere una raccomandazione utile oltre che sicura per quasi tutti i pazienti.

I livelli di vitamina D erano carenti (con livelli plasmatici di VitD molto bassi, sotto 10 ng/ml) nell’80% dei pazienti, insufficienti nel 6,5% e normali nel 13,5%.

Come abbiamo sottolineato già in alcune news dedicate all'argomento (vedi sotto), la VitD non è solo coinvolta nel metabolismo del calcio e nella salute delle ossa, ma svolge anche un ruolo importante in diversi meccanismi immunologici. Sebbene i suoi effetti in vivo non siano completamente compresi, molte evidenze sottolineano il ruolo della VitD nello sviluppo delle malattie polmonari. La sua insufficienza è stata collegata alle infezioni virali del tratto respiratorio inferiore e all'esacerbazione delle malattie polmonari ostruttive croniche e dell'asma.

I soggetti con bassi livelli di VitD al momento del test COVID-19, erano associati a stadi clinici della malattia più compromessi e apparivano a più alto rischio di essere positivi rispetto ai soggetti con sufficiente stato di VitD.


Per saperne di più:

quadratino Circulating Vitamin D levels status and clinical prognostic indices in COVID-19 patients
Ricci A, Pagliuca A, D’Ascanio M. et al. Respir Res 22, 76 (2021)

quadratino Le altre news di NBST sul tema:
01/03/2021. Vitamina D e Covid-19: l’uso degli integratori tra consensi e opposizioni
19/11/2020. Le evidenze della relazione tra vitamina D e rischio e gravità di Covid-19
22/05/2020. Carenza di vitamina D possibile fattore di rischio per l'aggravamento di Covid-19?