25/11/2019

Linee guida: il fardello del lascito della National Guideline Clearinghouse

guidelines.ecri.org
Dato l'enorme volume di informazioni mediche a portata di pochi clic, è spesso difficile, anche per i professionisti sanitari, individuare fonti autorevoli e affidabili. Le linee guida cliniche basate su un'attenta considerazione e una solida ricerca imparziale acquistano così sempre più importanza.

Fino alla metà dello scorso anno il più importante sito web che raccoglieva linee guida internazionali era la National Guideline Clearinghouse (NGC), istituito negli USA con fondi statali. "La National Guideline Clearinghouse è un database federale destinato ad aiutare i medici a rispondere a quasi tutte le domande a cui si riesca a pensare. Se sembra una piccola cosa, non lo è": così lo definisce il New York Times e nello stesso editoriale continua "La Clearinghouse, che non solo controlla innumerevoli fonti di informazioni mediche, ma rende anche i suoi risultati facilmente ricercabili, è considerata il deposito più affidabile del suo genere al mondo".

Per ragioni economiche la NGC alla metà del 2018 è stata sospesa. Dopo le accese critiche alla chiusura di un servizio essenziale per i professionisti sanitari non solo statunitensi, è arrivato l’annuncio che tutti i documenti sono stati trasferiti e saranno aggiornati a cura dello ECRI Institute (Emergency Care Research Institute, fondazione nata con finalità benefiche).

Nell'anno trascorso ECRI ha progressivamente reimpostato la propria attività attorno a questa funzione di banca dati di linee guida cliniche, sempre e comunque "free online". Si tratta di un compito difficile, data la grande quantità di materiale che viene prodotto e le costanti incertezze sulla sua qualità, tanto che finora la consultazione non si è rivelata semplice come avrebbe dovuto essere.

L'ECRI Institute presenta così la nuova versione della banca dati, più facilmente accessibile e completa.


guidelines.ecri.org