22/2/2019

Quando le certezze vengono meno: "baby talco" e altri prodotti simili sospettati di contenere tracce di amianto. In Europa però solo prodotti controllati


Nell’immaginario collettivo, i prodotti a base di talco sono i primi “presidi” non sanitari utilizzati per igiene e cura di piccoli problemi, anche nei bambini: diventa quindi importante fare il punto della situazione.
 
Occorre prima di tutto specificare che in Europa il talco è molto controllato e la sua tracciabilità assicurata, in modo tale che ci sia la sicurezza dell'assenza di amianto.

Un articolo pubblicato da BMJ Johnson & Johnson knew for decades talcum powder contained asbestos, reports allege delinea la polemica in corso negli USA e la posizione della società che nega ogni addebito.


Un altro articolo della International Agency for Research on Cancer (IARC) Fare uso di talco aumenta il rischio di ammalarsi di cancro dell’ovaio? cerca invece di fare il punto della situazione, evitando ingiustificati allarmismi e riporta dall’inizio la “storia” di un possibile collegamento tra l’utilizzo del talco e l’insorgenza di tumori ovarici.
  • Nel 2016, la sentenza di un tribunale americano aveva condannato una delle più note aziende di prodotti di igiene a pagare un risarcimento di ben 72 milioni di dollari alla famiglia della signora Jackie Fox, morta di tumore ovarico: l'azienda era stata ritenuta responsabile di non aver adeguatamente informato i consumatori sul fatto che l'uso prolungato di prodotti per l'igiene a base di talco (in particolare se usato a livello inguinale) comporterebbe un aumento del rischio di tumore dell'ovaio.
  • La sentenza è stata ribaltata nel 2017 per problemi legati a specifiche competenze giuridiche. La stessa azienda è stata “portata in giudizio” anche per un altro caso analogo: anche questa volta è stata condannata, ma la sentenza è stata poi “modificata” con una motivazione differente da quella usata per Jackie Fox: la ragione del nuovo verdetto è stata la mancanza di prove sufficienti a dimostrare un legame tra l’uso di talco e il tumore.
L’articolo della AIRC riporta anche precisi riferimenti a studi scientifici e soprattutto segnala che, alla luce dei dati disponibili, la IARC che fa capo all'Organizzazione mondiale della sanità:
  • classifica il talco contaminato da amianto (minerale già noto per essere all'origine del mesotelioma pleurico) come carcinogeno per gli esseri umani, ma è rassicurante sapere che la causa della cancerogenicità è l'amianto e non il talco, e che tale prodotto non è più in commercio da molti anni;
  • sulla base della mancanza di dati provenienti da studi condotti con esseri umani e della limitata quantità di dati provenienti in studi condotti con gli animali, considera il talco non contaminato da amianto come non classificabile tra i carcinogeni umani;
  • sulla base della scarsa qualità di prove ottenute in studi con esseri umani che hanno collegato il cancro ovarico all'uso di talco, la IARC considera solo l'uso del talco a livello perineale (cioè genitale o intravaginale) come possibile carcinogeno per l'uomo (gruppo 2B).

Nel sito di Health Canada è stato comunque pubblicato tra i “Richiami e avvisi di sicurezza” un comunicato Talc - Potential Risk of Lung Effects and Ovarian Cancer rivolto agli operatori sanitari tra cui farmacisti, infermieri, pediatri e medici di famiglia, in cui si legge:
  • respirare la polvere di talco sciolto può causare effetti polmonari, come tosse, problemi di respirazione, diminuzione della funzionalità polmonare, fibrosi
  • l'esposizione della zona perineale dall'uso di determinati prodotti contenenti talco è una possibile causa di cancro ovarico.

Il 5 dicembre 2018 è stata pubblicata, sul sito web di Health Canada, la bozza di un rapporto di valutazione sui rischi connessi all’utilizzo del talco Draft screening assessment talc (Mg3H2(SiO3)4).
Questa bozza si concentra sulla sicurezza del talco nei prodotti di auto-cura come cosmetici, prodotti naturali per la salute e farmaci non soggetti a prescrizione (es. prodotti per bambini, per il corpo, cipria, creme nei pannolini contro gli arrossamenti, antitraspiranti e deodoranti per il corpo).

La bozza non ha identificato rischi per la salute umana dovuti all'esposizione orale al talco (ad es. esposizione orale da preparati a base di compresse), ad altre esposizioni cutanee (non perineale) o esposizioni per inalazione da prodotti in polvere di talco pressato.


Gli operatori sanitari canadesi sono invitati a ricordare ai pazienti di:

  • evitare di inalare polveri di talco sciolto
  • evitare l'esposizione genitale femminile a prodotti contenenti talco
  • mantenere la polvere lontana dal viso di un bambino per evitare l'inalazione
  • controllare le etichette dei prodotti per talco e scegliere alternative senza talco.

Gli operatori sanitari sono inoltre invitati a commentare la bozza di valutazione durante il periodo di 60 giorni.
 Se la valutazione finale dello screening confermasse che il talco è dannoso per la salute umana, il governo prenderà in considerazione vari strumenti per gestire il rischio.

Ed ora aspettiamo la pubblicazione delle conclusioni….




immagine: by Adrien Olichon on Unsplash